Alla scoperta di Pisa

Pisa e i suoi Miracoli
Colpito dalla bellezza della Cattedrale, del Battistero, del Camposanto Monumentale e del Campanile di Pisa, Gabriele D’Annunzio ribattezzò la Piazza del Duomo di Pisa in “Prato dei Miracoli”. La visita guidata alla piazza dei Miracoli vi farà scoprire il perché Pisa possa vantare tanto splendore. Si ripercorre insieme la storia della Repubblica Marinara, degli eventi e i personaggi storici che stanno all’origine del complesso monumentale, della concezione teologica e culturale che ha guidato la mano di artisti e capomastri, delle vicissitudini che caratterizzarono le diverse fasi di costruzione dei monumenti.
I Lungarni di Pisa. Visita guidata a Pisa in battello
Una passeggiata lungo il ‘salotto’ pisano’, le vie che costeggiano il fiume Arno, irrinunciabile per chi vuole cogliere lo splendore della città attraverso i secoli tra i  palazzi e monumenti per cogliere le vicende che hanno visto Pisa protagonista della storia e dell’arte d’Italia.

Pisa e Galileo Galilei
Sulle tracce di Galileo Galilei. Pochi sanno che Galileo nasce a Pisa, dove trascorre i primi anni della sua infanzia.  Una passeggiata guidata attraverso il quartiere di San Francesco e di Santa Maria è a vostra disposizione per riscoprire e conoscere tutti i luoghi legati a Galileo.

Degustazioni enogastronomiche:
Alla scoperta delle più belle tenute toscane:
La tenuta di Torre a Cenaia è un’antica proprietà della famiglia Pitti, ubicata nel cuor della Valdera, a soli 20 minuti dalla stupenda torre di Pisa. Le famiglie Terzi e Coppini, acquisendo la proprietà della Tenuta nel 2003, si sono avvalse fin da subito della preziosa collaborazione dell’enologa Graziana Grassini, una delle donne del vino più famosa nello scenario nazionale, la quale da anni segue con passione e continuità gli oltre Trenta ettari di vigneto specializzato.
La Tenuta di Poggio a San Miniato è un’antica proprietà che si trova nel cuore della toscana, lungo il tracciato della via francigena, nelle campagne fra Pisa e Firenze, dove sin dal 1600 si coltivano vite ed olivo. La Cosimo Maria Masini coltiva vitigni autoctoni, sia a bacca rossa che bianca, Sangiovese, Canaiolo, Ceragiolo, Buonamico e Trebbiano, ai quali si affiancano i vitigni internazionali Cabernet, Chardonnay e Sauvignon.

Why We Love It